La Cicceide legittima/II/XXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

XXXIV ../XXXIII ../XXXV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

II - XXXIII II - XXXV
[p. 186 modifica]

A D. Ciccio, nell’arrivo a Macerata della sua Sposa, la quale egli avea decritta precedentemente per un Angelo.

xxxiv.

QUella vostra sì bella, e sì famosa
Leggiadrissima Sposa
Pur venne a far felici
4Queste nostre pendici: e veramente
A parer de la gente,
Qual voi la predicaste, un’Angel sembra,
Ma però nell’età; non nelle membra.