La Cortigiana (1525)/Atto quarto/Scena quattordicesima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto
Scena quattordicesima

../../Atto quarto/Scena tredicesima ../../Atto quarto/Scena quindicesima IncludiIntestazione 2 giugno 2008 75% Teatro

Atto quarto - Scena tredicesima Atto quarto - Scena quindicesima

Rosso, solo.

Rosso
Maledetto sia, presso ch’io non l’ho detto! O può far Cristo ch’appena possa bere un tratto, che mi bisogna trottare per Aloigia e son fatto solicitatore in la causa di quello ammorbato di Cupido! Basta che non mi prometta il magistrato di casa, ché vorrei inanzi essere nihil che magistro di casa. Forse che son ben voluti? Ne cognosco uno che presta denari a usura al suo padrone e son di quei medesimi ch’al padrone ha robbati; e sappiate che la robba che loro dànno a le puttane sono i bocconi che furano a le nostre fami. E si non fusse per amore del maggiordomo di Clemente, che fa fallire la regola, al cul de Dio ch’io cantarei di soprano! Ma dove sarà ita questa fantasma d’Aloigia?