La Cortigiana (1525)/Atto quarto/Scena seconda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto
Scena seconda

../../Atto quarto/Scena prima ../../Atto quarto/Scena terza IncludiIntestazione 2 giugno 2008 75% Teatro

Atto quarto - Scena prima Atto quarto - Scena terza

Aloigia e Rosso.

Aloigia
Il ben trovato, Rosso. Io ho parlato al mio confessore per sapere quando vien la Madonna di mezzo agosto, perché ho in voto di digiunare la vigilia. Poi feci la via de la Piemontese e hammi date queste maniche; di poi mi sono risciacquati i denti con un mezzo di còrso et eccomi qui.
Rosso
Aloigia, a dirtelo in una, Valerio mi vuole male e io a lui; e quando per tua industria el ponessimo in disgrazia al padrone, che so io, non perderesti niente perché toccarebbe a me esser el ministro.
Aloigia
Dammi la tua parte de la catena e farollo rompere il collo in un fil di paglia.
Rosso
Sia la tua, ma dimmi il modo.
Aloigia
Adesso il penso.
Rosso
Pensalo ben, ch’importa!
Aloigia
Io l’ho, sta saldo!
Rosso
Iddio il volessi.
Aloigia
Eccotelo.
Rosso
Come?
Aloigia
Dirò che Valerio ha sentitoci ragionare di Laura e che n’ha avvertito il fratello di lei e che detto suo fratello, che si domanda Rienzo di Iacovello, ha giurato di farci capitare tutti male. Ma ecco el signor; taci!