La Cortigiana (1525)/Atto secondo/Scena terza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo
Scena terza

../../Atto secondo/Scena seconda ../../Atto secondo/Scena quarta IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena seconda Atto secondo - Scena quarta

Rosso, solo.

Rosso
Il mio padrone gaglioffo non crede ch’io sappia perch’egli sta fantastico, ancora ch’io abbia fatto vista non sapere la sua rabbia. Questa notte, andando io a procission per casa, come è mio costume, senti’ ch’egli sognando era a le mani con madonna Laura, moglie de messer Luzio, e la chiamava per nome, la maneggiava come se fosse stato vero. Io ho questo secreto, il qual non ho scoperto a persona, e col mezzo de Aloigia specciala, la qual dirò che sia sua baiala, piglierò verso di far credere al signor mio ciò ch’io voglio. Io vado adesso a trovarla, e so ch’e’la corrompería la castità. Farà ogni cosa per amor mio.