La Cortigiana (1525)/Atto secondo/Scena seconda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo
Scena seconda

../../Atto secondo/Scena prima ../../Atto secondo/Scena terza IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena prima Atto secondo - Scena terza

Messer Maco, Maestro Andrea e Grillo, famiglio di Messer Maco.

Maestro Andrea
Molto ben vi sta questa vesta; da paladino!
Messer Maco
Voi mi fate ridere, mi fate!
Maestro Andrea
Voi avete ben tenuto a mente quello ch’io vi ho insignato, n’è vero?
Messer Maco
So fare tutto el mondo!
Maestro Andrea
Fate el duca.
Messer Maco
Cosí..., cosí..., a questo modo; ohimè ch’io son caduto!
Maestro Andrea
Rizzatevi, castrone!
Messer Maco
Fatemi doi occhi al mantello, a la vesta, ch’io per me non so fare il duca al buio.
Maestro Andrea
Sí, sí; ma come se risponde ai signori?
Messer Maco
’Bacio le mani’.
Maestro Andrea
A le signore?
Messer Maco
’Questo cuore è il mio!’
Maestro Andrea
Ai bon compagni?
Messer Maco
’Sí, a fe’.’
Maestro Andrea
Ai prelati?
Messer Maco
’Giuro a Dio’.
Maestro Andrea
Buono, savio. E al servitor come si comanda?
Messer Maco
’Porta qua la mula, mena qua la vesta, che t’amazzarò!...’
Grillo
Maestro Andrea, fatemi dare buona licenzia, ch’io non voglio stare con questi bestialacci.
Messer Maco
Io fo per giambo, Grillo, e imparo a essere cortigiano, né ti farò male.
Maestro Andrea
Ora andiamo, ché impararete Borgo Vecchio, Corte Savella, Torre di Nona, Ponte Sisto e Dietro Banchi.
Messer Maco
Porta la barba, Borgo vecchio?
Maestro Andrea
Ah, ah, ah!
Messer Maco
Torre de Nona suona anche vespero?
Maestro Andrea
E compieta, con i tratti de corda! Poi andaremo a Santo Pietro; vederete la Pina, la Nave, Campo Santo e la Guglia,
Messer Maco
In Campo Santo possiamici ire con le scarpe?
Maestro Andrea
[Io] sí, voi altri no.
Messer Maco
Andiam, ch’io voglio mangiare quella pina, e costi ciò che la vuole.