La gente di spirito/Atto terzo/Scena sesta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto terzo

Scena sesta

../Scena quinta ../Scena settima IncludiIntestazione 11 aprile 2011 75% Teatro

Atto terzo - Scena quinta Atto terzo - Scena settima

Eulalia, Lucia, Ernesto, Massimo, Federico, Signori e Signore, e detti: vengono tutti dal salone di musica.


Lucia

a Ernesto che le dà il braccio.

Mi metta a sedere.
Ernesto
Siamo intesi... lei ha piena fiducia in me... e checché m'avvenga di fare stasera, sospenderà il suo giudizio.
Lucia
Glielo prometto.
Campioni

all'Eulalia.

Hai ballato?
Eulalia
Sempre.
Campioni

a Lucia.

E tu pure?

Lucia fa cenno di sì.

Dov'è la mamma?
Eulalia
Col cavaliere... Almeno, mezz'ora fa erano insieme... dacché ballo, non li ho veduti più.

Massimo è in piedi, ritto, colla schiena appoggiata al camino, e ci sta durante tutta la scena.

Fausto

a Sofia.

Mi aiuti dunque a cercare...
Ernesto

all'Eulalia.

Un posticino daccanto a lei.
Eulalia

stringendosi per fargli posto.

Se lo merita?
Ernesto
Subito che le piace stare con me...
Eulalia
Chi glielo ha detto?
Ernesto
Me lo immagino... e gliene spiegherò il perché. Io, meritata o no, ho riputazione di...
Eulalia
Originale.
Ernesto
Ecco, non avrei usata quella parola; ma fa tutt'uno. Mi fanno bislacco, strambo, mezzo poetico talora, mi affibbiano delle idee che non professo; insomma, giocano a chi meglio riesce ad ottenere che la gente s'occupi dei fatti miei.
Eulalia
Quanta modestia!
Ernesto
Non ne vado mica orgoglioso, sa... oh! punto orgoglioso. Le assicuro che io sono l'essere il più prosaico che esista; solo, patisco di emicrania, e i miei amici strombazzano che è spleen; e poi non mi piglio la briga di mostrarmi diverso da quello che sono. Sono qualità che piacciono, lo spleen e la noncuranza, ed è perciò...
Eulalia
Che lei piace...
Ernesto
Via, lo dica schietto, non preferisce stare con me, piuttosto che... col dottorino... per esempio?
Eulalia
Eh! Chissà! Il signor Massimo è migliore di lei.
Ernesto
Sì... in altri termini, il signor Massimo è noioso come un moralista.
Eulalia
Oh! quanto a morale...
Ernesto
Non ne difetta, n'è vero? e ce n'ha d'avanzo...
Eulalia
Non ho detto ciò, io...
Ernesto
Sia schietta... Per esempio... io che sono sincero... sempre... le assicuro che stasera lei è bella come una tentazione.
Eulalia

lo percote col ventaglio.