La mia vit' è si fort' e dura e fera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido delle Colonne

XIII secolo Canzoni duecento La mia vit' è si fort' e dura e fera Intestazione 6 settembre 2009 75% Poesie

 
La mia vit'è si fort'e dura e fera
ch'eo non posso né viver né morire,
    anzi distrug[g]o come al foco cera
e sto com'on che non si pò sentire;
    5 escito son del senno là uv'era
e son incuminciato ad infollire;
    ma ben mi poria campare
quella per cui m'avene
tutto questo penare:
10per ben amar - lo meo cor si ritene.

    Merzé faria sed ella m'aiutasse,
da ch'eo per lei son così giudicato,
    e qualche bon conforto mi donasse,
che[d] eo non fosse così alapidato;
    15peccato faria s'ella mi lassasse
esser sì fortemente condempnato,
    cad eo non mi trovo aiuto
né chi mi dar conforto,
und'eo sono ismarruto
20e venuto - ne sono a male porto.

    Se madonna savesse lo martore
e li tormenti là 'v'eo sono intrato,
    ben credo che mi daria lo suo amore,
ch'eo l'ho sì fortemente golïato;
    25più di null'altra cosa mi sta 'n core,
sì ch'eo non ho riposo i[n] nullo lato:
    tanto mi tene distretto
ch[ed] eo non ho bailia,
sto com'omo sconfitto,
30senza d[r]itto - sono in mala via.

    Or con' farag[g]io, oi lasso adolorato,
ched eo non trovo chi mi consigliare?
    Di tanto mondo quant'ag[g]io cercato
nullo consiglio non posso trovare:
    35a tut[t]i miei amici sono andato,
dicon che non mi possono aiutare,
    se non quella c'ha valore
di darmi morte e vita
senza nullo tenore:
40lo suo amore - m'è manna saporita.

    Va', canzonetta fresca e novella,
a quella ch'è di tutte la corona,
    e va' saluta quell'alta donzella;
di' ch'eo son servo de la sua persona
    45e di' che per suo onor questo fac[c]'ella:
trag[g]ami de le pene che mi dona;
    e faria gran caunoscenza,
da che m'ha così preso,
no mi lassi in perdenza,
50ch'eo non ho scienza, - in tal doglia m'ha miso.