Lamentazioni (Diodati 1821)/capitolo 4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../capitolo_3

../capitolo_5 IncludiIntestazione 25 marzo 2013 75% Da definire

capitolo 3 capitolo 5

[p. 657 modifica]

Estreme sofferenze di varie classi di persone.

4  COME è oscurato l’oro, ed ha mutato colore il buon oro fino, e sono le pietre del santuario state sparse In capo d’ogni strada!

2 Come sono i nobili figliuoli di Sion, pregiati al pari dell’ottimo oro, sono stati reputati quali vaselli di terra, lavoro di man di vasellaio1!

Vi sono anche de’ gran pesci marini che porgon le poppe, e lattano i lor figli; ma la figliuola del mio popolo è divenuta crudele, come gli struzzoli nel deserto.

4 La lingua del bambino di poppa Si è attaccata al suo palato, per la sete; i fanciulli hanno chiesto del pane, e non vi era alcuno che ne distribuisse loro.

5 Quelli che mangiavano cibi delicati son periti per le strade; quelli ch’erano stati allevati sopra lo scarlatto hanno abbracciato il letame.

6 E la pena dell’iniquità della figliuola del mio popolo è stata maggiore che la pena del peccato di Sodoma, che fu sovvertita come in un momento2, e nella quale le forze non divennero fiacche.

7 I Nazarei di essa erano più puri che neve, più candidi che latte, vermigli del corpo più che gemme, puliti come zaffiri.

8 Il loro sguardo è divenuto fosco più che la nerezza stessa; non si son riconosciuti per le piazze; la lor pelle si è attaccata alle loro ossa; è seccata, è divenuta come legno. [p. 658 modifica] 9 Più felici sono stati gli uccisi con la spada, che quelli che son morti di fame; perciocchè, essendo traffitti, il sangue loro è colato, e non hanno più avuto bisogno della rendita del campo.

10 Le mani delle pietose donne han cotti i loro figliuoli3: Quelli sono loro stati per cibo, nella ruina della figliuola del mio popolo.

11 Il Signore ha adempiuta la sua ira, ha sparso l’ardor del suo cruccio, ed ha acceso un fuoco in Sion, che ha consumati i fondamenti di essa.

12 I re della terra, e tutti gli abitatori del mondo, non avrebbero mai creduto ch’entrasse nemico, nè avversario dentro alle porte di Gerusalemme.

13 Quest’è avvenuto per i peccati de’ profeti di essa, per l’iniquità de’ suoi sacerdoti, che spandevano nel mezzo di essa Il sangue de’ giusti4.

14 I ciechi sono andati vagando per le strade, si son contaminati di sangue, l’han toccato co’ lor vestimenti, senza potere schivarlo5.

15 Ei si gridava loro: Traetevi addietro; ciò è immondo; traetevi addietro, nol toccate; e pur se ne volavano via, e andavano errando. Ei si è detto fra le genti: Essi non potran più dimorare nel lor paese.

16 La faccia del Signore li ha dispersi; egli non continuerà più a riguardarli; non hanno avuto alcun rispetto a’ sacerdoti, nè pietà de’ vecchi.

17 Mentre siamo durati, i nostri occhi si son consumati dietro al nostro soccorso, che non è stato altro che vanità6; noi abbiam riguardato nella nostra vedetta ad una gente che non potea salvare.

18 Ci hanno cacciati, seguendo i nostri passi, sì che non siam potuti andar per le nostre campagne; il nostro fine si è avvicinato, i nostri dì son compiuti; perciocchè il nostro fine è venuto7.

19 Quelli che ci hanno perseguiti sono stati più leggieri che le aquile del cielo; ci son corsi dietro in su i monti, ci han posti agguati nel deserto.

20 La respirazione delle nostre nari, l’Unto del Signore, di cui noi dicevamo: Noi viveremo alla sua ombra fra le genti, è stato preso nelle lor trappole8.

21 Gioisci pure, e rallegrati, figliuola di Edom; tu che abiti nel paese di Us, sopra te ancora passerà la coppa; tu ne sarai inebbriata, e ti scoprirai.

22 La pena della tua iniquità è finita, figliuola di Sion9; egli non ti farà più menare in cattività; egli farà punizione della tua iniquità, figliuola di Edom; egli scoprirà i tuoi peccati.