Le Trachinie (Sofocle - Romagnoli)/Primo stasimo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Primo stasimo

../Primo episodio ../Secondo episodio IncludiIntestazione 25 agosto 2019 75% Da definire

Primo episodio Secondo episodio
[p. 146 modifica]
Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III (page 149 crop).jpg

PRIMO CANTO INTORNO ALL’ARA


coro
Strofe
È grande la forza di Cipride,
e sempre consegue vittoria.
Tralascio gli eventi dei Superi:
non racconto com’essa, fra illècebre
stringeva il Saturnio,
o Ade, Signor della tènebra,
o il Dèmone ch’agita
la terra. Ma quali, pel talamo
di Deianira, terribili
rivali a cimento non scesero
fra i colpi e la polvere?

Antistrofe
L’un d’essi era un fiume fortissimo:
movea su quattr’orme, ed immagine
aveva di toro cornigero:
Achelòo, che giungeva
Da Tebe la bacchica,

[p. 147 modifica]

scotendo la clava e due cúspidi
e l’arco flessibile,
giunse Ercole; e in mezzo proruppero,
cupidi entrambi del talamo.
E sola fra loro, a giudizio
sedea l’alma Cípride.

Epodo
E surse di mani alto strepito,
di frecce, di corna di tauro,
insieme confuse;
e furono avvinghi reciproci,
e cozzi di fronti funerei,
fra duplici gemiti.
E intanto, la morbida vergine,
lo sposo attendeva, d’un poggio
sul vertice aereo.
lo parlo si come io medesima
veduta l’avessi: la misera
fanciulla, che fu del conflitto
la causa, attendeva; e poi, súbito
lontan da sua madre movea, come tenera
giovenca, a solingo tragitto.


Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0150.png