Le lapidi di Sesto San Giovanni/1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../

../2 IncludiIntestazione 25 febbraio 2015 50% Storia

Le lapidi di Sesto San Giovanni 2

Via Breda angolo via Firenze

Lapide di via Breda angolo via Firenze

Trascrizione

A VOI CHE ADDITASTE COL VOSTRO SACRIFICIO
LA VIA DELLA RISCOSSA NAZIONALE
VADA IL NOSTRO ETERNO RICORDO
E CI SIA SPRONE AL RAGGIUNGIMENTO DELL'IDEALE
PER IL QUALE VI IMMOLASTE


BOLOGNESI CELESTE
BOSCOLO ARDUINO
CHENDI EMPIDONIO
FRATUS SEVERINO
LA FRATTA VITO ANTONIO
MANCIN ANTONIO
MORGANTI LUCIANO
TAMAGNI GIOVANNI


Biografie

BOLOGNESI CELESTE

Nato a Montanaso Lombardo (MI) il 9/7/1884. Residente a Sesto San Giovanni in via Breda, 20. Lavorava alla Breda IV sezione Siderurgica come operaio. Arrestato il 14/3/1944 in casa di notte. Carcere di San Fedele.1 Carcere di San Vittore. Caserma Umberto I di Bergamo. Partito il 17/3/1944 e giunto il 20/3/1944 a Mauthausen (matr. 58725). Trasferito a Gusen. Riportato a Mauthausen, al Sanitätslager, il 28/4/1944. Qui deceduto il 16/5/1944. È stato deportato al posto del figlio Alfredo.

BOSCOLO ARDUINO (detto ANZOLETTI)

Nato a Sottomarina di Chioggia (VE) il 18/10/1902. Risiedeva a Sesto San Giovanni in via Risorgimento, 32. Lavorava alla Breda IV sezione Siderurgica come manovale. Arrestato il 13/6/1944 a Sesto San Giovanni. Carcere di San Vittore. Il 18/8/1944 è a Bolzano campo. Parte il 5/9/1944 e giunge il 7/9/1944 a Flossenburg (matr. 21669). Trasferito, in data non nota, a Hersbruck (Flossenburg). Viene ritrasferito a Flossenburg il 1/11/1944. Qui muore il 25/2/1945.

CHENDI EMPIDONIO

Nato a Berra (FE) il 3/2/1903. Residente a Sesto San Giovanni in via Breda, 20. Lavorava alla Falck, stabilimento Concordia OMAN come elettricista. Arrestato il 20/1/1944 in casa alle ore 7. Carcere di Monza. Carcere di San Vittore. Trasferito il 27/4/1944 a Fossoli campo. Trasferito il 22/7/1944 a Bolzano campo. Partito il 4/8/1944 e giunto a Mauthausen il 7/8/1944 (matr. 82323). Trasferito in data non nota a Gusen. Qui deceduto il 23/1/1945.

FRATUS SEVERINO

Nato il 7/8/1891 a Brescia. Residente a Sesto San Giovanni in via Breda, 40. Lavorava alla Breda IV sezione Siderurgica come aggiustatore. Arrestato il 28/3/1944 in casa di notte. Carcere di San Fedele. Carcere di San Vittore. Caserma Umberto I di Bergamo. Partito il 5/4/1944 e giunto il 8/4/1944 a Mauthausen (matr. 61643). Trasferito il 28/4/1944 a Gusen. Trasferito il 13/3/1945 a Mauthausen. Qui deceduto il 8/4/1945.

LA FRATTA VITO ANTONIO (TOTO’)

Nato il 16/6/1908 a Spinazzola (BA). Abitante a Sesto San Giovanni in via Firenze, 26. Lavorava alla Falck Unione come elettricista specializzato. Già arrestato nel 1924 a Torino per propaganda comunista. Emigrato in Francia. Appartenente alla 3° Brigata GAP Rubini, ha compiuto diversi attentati a nazisti e fascisti, tra i quali il federale di Milano, Resega Aldo, nel dicembre del 1943. Catturato, per delazione, il 1° maggio 1944 e tradotto nel carcere di San Vittore, sarà ridotto in fin di vita dopo tre giorni di inutili torture e poi verrà ”suicidato” nella sua cella. La moglie, Prota Genoveffa, in quanto moglie del patriota, è stata arrestata il 30/6/1944 in casa e deportata a Bolzano lager il 17/8/1944 (matr. 3297 F). Sopravvissuta.

MANCIN ANTONIO

Nato a Loreo (RO) il 21/4/1899. Residente a Sesto San Giovanni in via Breda, 46. Lavorava alla Falck Concordia reparto Ormel come gruista. Arrestato in casa di notte il 28/3/1944. Carcere di San Fedele di Milano. Carcere di San Vittore. Caserma Umberto I di Bergamo. Partito il 5/4/1944 e giunto a Mauthausen il 8/4/1944 (matr. 61677). Trasferito in data non nota a Gusen. Qui deceduto il 27/12/1944.

MORGANTI LUCIANO

Nato il 17/7/1897 a Villadossola (NO). Residente a Sesto San Giovanni in via Pascoli, 13. Lavorava come operaio alla Breda IV sezione Siderurgica. I locali pubblici gestiti dai coniugi Morganti (Polo Nord e Carducci) erano luoghi di riunione degli antifascisti e dei comunisti clandestini; erano stati chiusi dalla PS quattro volte tra il 1936 e il 12/5/1944. Arrestato il 3/3/1944 di giorno al bar Carducci, a seguito degli scioperi del 1 marzo 1944. Carcere di San Vittore. Partito il 4/3/1944 e giunto, dopo una sosta di circa dieci giorni a Reichenau (Innsbruck), a Mauthausen (matr. 57602). Trasferito il 9/4/1944 a Ebensee. Qui deceduto il 15/11/1944.

TAMAGNI GIOVANNI

Nato il 2/2/1902 a Viadana (MN). Residente a Sesto San Giovanni in via Firenze, 13. Lavorava come elettricista alla Breda IV sezione Siderurgica. Arrestato il 2/3/1944 all’uscita dalla fabbrica. Carcere di San Fedele. Carcere di San Vittore. Partito il 4/3/1944 dalla Stazione Centrale, binario 21, e, dopo una sosta di circa 10 gg. a Reichenau (Innsbruck) giunto a Mauthausen (matr. 57629). Trasferito il 13/12/1944 Gusen/Gusen II - St. Georgen. Qui deceduto il 14/1/1945.

Note

  1. La questura aveva sede in piazza San Fedele [1]