Le lavannare de Montecitorio

Da Wikisource.
romanesco

Adolfo Giaquinto 1893 L sonetti letteratura Le lavannare de Montecitorio Intestazione 21 febbraio 2009 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Empty.png
Questo testo fa parte del "Progetto letteratura". Premi sull'icona per saperne di più.
Le lavannare de Montecitorio
1893

 
La sora Felicetta la Giuffritta
Inzuffa Colajanna la strillona,
E l'hanno tutt'er giorno co' Giolitta
4De soprannome la palamidona,

Già dura da un ber pezzo 'sta canzona:
Palamidona abbozza... se sta zitta...
A la strillona più je se fà fitta
8E l'antro giorno la chiamò "puzzona",

Giolitta diventò com' u' leone,
E fece a Colajanna, franca franca:
11- Ahó! ma che te rode, er chiccherone?

E intanto tirò fori la camicia,
Dicennoje: "La vedi com'è bianca?
14Famme vedé la tua si c'è la sghicia!!"