Le nozze di Figaro/Atto Quarto/Scena ottava

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto Quarto

Scena ottava

../Scena settima ../Scena nona IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Teatro

Atto Quarto - Scena settima Atto Quarto - Scena nona

Figaro solo
N. 26 - Recitativo e aria
Recitativo Archi soli.
Andante

Figaro

Tutto è disposto: l’ora
Dovrebbe esser vicina; io sento gente…
È dessa… non è alcun… Buia è la notte…
Ed io comincio omai
A fare il scimunito
Mestiero di marito…
Ingrata! Nel momento
Della mia cerimonia…
Ei godeva leggendo: e nel vederlo
Io rideva di me senza saperlo.
Oh, Susanna! Susanna!
Quanta pena mi costi!
Con quell’ingenua faccia,
Con quegli occhi innocenti…
Chi creduto l’avria!…
Ah, che il fidarsi a donna è ognor follia!
Aria Archi, 2 Clarinetti in si bem., 2 Fagotti, 2 Corni in mi bem.
Moderato
Aprite un po’ quegli occhi
Uomini incauti e sciocchi,
Guardate queste femmine,
Guardate cosa son.
Queste chiamate Dee
Dagli ingannati sensi,
A cui tributa incensi
La debole ragion,
Son streghe che incantano
Per farci penar,
Sirene che cantano
Per farci affogar.
Civette che allettano
Per trarci le piume,
Comete che brillano
Per toglierci il lume;
Son rose spinose,
Son volpi vezzose,
Son orse benigne,
Colombe maligne,
Maestre d’inganni,
Amiche d’affanni
Che fingono, mentono,
Amore non senton,
Non senton pietà.
Il resto nol dico,
Già ognuno lo sa.
(si ritira)