Le odi di Orazio/Libro primo/XXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo
XXIV

../XXIII ../XXV IncludiIntestazione 27 gennaio 2013 100% letteratura

Quinto Orazio Flacco - Odi (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1883)
Libro primo - XXIII Libro primo - XXV
[p. 45 modifica]

XXIV.


Qual freno o termine nel desiderio
  Di sì cara anima? Su, detta i lugubri
  Canti, Melpomene, cui diè l’armonica
    4Voce il Padre e la cetera.

Dunque il perpetuo sopor Quintilio
  Preme? Un uom simile Pudor, Fede íntegra,
  Suora a Giustizia, Verità semplice
    8Quando sarà che trovino?

Cadde chi flebile fu a molti egregj,
  A niun più flebile che a te, Virgilio;
  Invan tu supplice (ahi, non ti ascoltano!)
    12Chiedi agli Dei Quintilio.

[p. 46 modifica]


Che val se tenero più d’Orfeo tracio
  La cetra moderi che udiron gli alberi?
  Non si rinsanguina la vuota immagine
    16Cui già con la verga orrida,

I fati a schiudere sempre implacabile,
  Spinse Mercurio fra l’atra greggia.
  Duro; ma all’animo pazienza allevia
    20Quanto non puoi correggere.