Le odi di Orazio/Libro secondo/XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo
XIX

../XVIII ../XX IncludiIntestazione 14 gennaio 2015 100% letteratura

Quinto Orazio Flacco - Odi (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1883)
Libro secondo - XVIII Libro secondo - XX
[p. 97 modifica]

XIX.


Bacco tra rupi vid’io recondite
    Insegnar carmi, credete, o posteri,
        E le Ninfe intente e le orecchie
        4De’ caprípedi Satiri acute.

Evoe, di tema recente l’animo
    Trema; di Bacco pieno il sen torbido
        Si allieta. Evoe, Libero, pace,
        8Pace, tu, pel gran tirso, tremendo!

[p. 98 modifica]


Le pervicaci Tíadi m’è lecito
    Cantare e il fonte del vino e gli uberi
        Rii di latte, e da’ cavi tronchi
        12Celebrar gli scorrevoli mieli.

Lecito e il serto dir della conjuge
    Beata, or fatta stella, e di Pènteo
        I tetti dal fondo travolti
        16E l’esizio del tracio Licurgo.

Tu pieghi i fiumi, tu il mare barbaro,
    Tu fra secreti gioghi in vipereo
        Nodo, senza fraude, costringi
        20Vinolento a’ Bistónidi i crini.

Tu, quando i regni del Padre l’empia
    Gigantea schiera scalava all’aere,
        Ricacciasti Reto con unghie
        24Leonine ed orrenda mascella:

Benchè più a danze fatto diceanti
    E a motti e a giochi, nè molto idoneo
        A vita pugnace; ma quale
        28Nella pace anche in guerra apparisti.

[p. 99 modifica]


Te, d’aureo corno famoso, Cerbero
    Innocuo vide, lene adulandoti;
        E al partire, i piedi e le gambe
        32Ti lambía con la bocca trilingue.