Le piacevoli notti/Notte IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Notte IV

../Notte III/Favola V ../Notte IV/Favola I IncludiIntestazione 1 maggio 2015 100% Da definire

Notte III - Favola V Notte IV - Favola I

[p. 191 modifica]

Notte Quarta


Già il biondo Apollo con l’infiammato carro aveva lasciato questo nostro emispero, e tuffatosi nelle marine onde se ne era ito a gli antipodi, e quelli che la terra zappavano, già stanchi per lo molto lavorare, messi giù i concupiscibili appetiti, dolcemente nel letto riposavano, quando la onesta ed onorevole compagnia a l’usato suo luogo lietamente si ridusse. E poscia che le donne e gli uomini ebbero insieme ragionato e riso alquanto, la signora Lucrezia, imposto il silenzio a tutti, ordinò che ’l vaso aureo le fusse portato, e con la propia mano il nome di cinque damigelle scrisse; e posti i loro nomi nel vaso, chiamò il signor Vangelista, comandandoli che ad uno ad uno del vaso li traesse, acciò che a cui la volta del favoleggiare in quella notte toccava, chiaramente si potesse sapere. Il signor Vangelista, levatosi da sedere e lasciati i dolci ragionamenti che egli faceva con Lodovica, ubidientissimo andò alla Signora: ed inginocchiatosi a’ piedi, riverentemente pose la mano nel vaso, e di Fiordiana trasse il primo nome; indi di Vicenza, dopo di Lodovica, ed appresso loro d’Isabella e di Lionora vennero fuori i nomi. Ed innanzi che al novellare si desse principio, la Signora comandò che ’l Molino ed il Trivigiano prendessero i loro liuti ed una cantilena cantassero. I quali, non aspettando altro comandamento, accordorono i loro stromenti, e la seguente canzone lietamente cantorono. [p. 192 modifica]

Quando fra tante donne il vago sole,
     Che mi dà morte e vita,
     Muove gli ardenti suoi splendidi rai,
     Di lei più bella, Amor, non vidi mai.
Dico, felice è in vita
     Non chi la vede pur, ma chi parole
     D’angelico intelletto
     L’ode formar con la sua santa bocca:
     Grazia che forse a pochi oggidì tocca.
     Oh me ben nato, se d’un tanto oggetto
     E ben così perfetto
     Degno per sua mercè qua giù mi sia,
     E veggia il fin della speranza mia.


La canzone fu diligentemente ascoltata e commendata da tutti. Ma vedendo la Signora che ella al suo fine era già pervenuta, comandò a Fiordiana, a cui la prima favola della quarta notte toccava, che metesse mano ad una, e l’ordine dell’incominciato trastullo seguisse. La quale, non men desiderosa di dire che d’ascoltare, in cotal maniera a dire incominciò.

Indice