Le poesie religiose (1895)/Alta quies

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alta Quies

../Crepuscolo ../Un giudizio di G. Trezza IncludiIntestazione 31 marzo 2019 100% Da definire

Crepuscolo Un giudizio di G. Trezza
[p. 197 modifica]

ALTA QUIES






Bianco fra’ nericanti orti il villaggio
     Posa ne la quieta alba lunare;
     Addormentato sotto al niveo raggio
                    Palpita il mare.

O bella pace, agl’innocenti petti
     Solo nel sonno e per brev’ora scendi;
     Su l’egre cure, su’ mordaci affetti
                    L’ala distendi.

Te la terra, te il ciel chiama, te quanti
     Ansan fra’ gorghi della vita assorti;
     Te, sorda a’ voti de’ pugnaci amanti,
                    Godono i morti.

[p. 198 modifica]


A te, del sonno e della morte figlia,
     Drizzi il vano desio l’età rubella;
     Con le tue labbra alfin tu le mie ciglia
                    Stanche suggella.