Le poesie religiose (1895)/Crepuscolo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Crepuscolo

../Per la mia candidatura ../Alta quies IncludiIntestazione 31 marzo 2019 100% Da definire

Per la mia candidatura Alta quies
[p. 191 modifica]

CREPUSCOLO






Per l’ampio deserto dei piani mietuti
     La sera i fragranti suoi veli diffonde;
     S’indugia l’augello tra l’aride fronde,
     Trillando a la luce gli estremi saluti.

Qual vitreo profilo di magica barca
     Che il fervido mare dei sogni veleggia,
     Su’ rosei vapori, che adombran la reggia
     Del sole caduto, la luna s’inarca.

Susurri vaganti, selvagge fragranze
     Esalan da’ pori dell’ombra infinita:
     Memorie indistinte, confuse speranze
     Esalan da’ cuori confitti alla vita.

[p. 192 modifica]


O nato alla brama d’impervj misteri,
     Il fascino accogli dell’ora, e ti adergi:
     Su l’ala, che sfida la fiamma dei veri,
     Nel baratro vivo dei cieli t’immergi!

A te, se infierito non t’abbiano il senso
     Circei beveraggi fra lutei diletti,
     Non biechi divieti, non termini abjetti,
     Non mostri o giganti precludon l’Immenso.

Non odi? Dal grembo dell’isole erranti
     C’han pari alla terra le fasi e i destini,
     Un popolo immenso di spiriti affini
     Te chiama con voce sol nota agli amanti.

Mille esseri novi non anco spiati
     Dall’avida lente che i cieli disserra,
     Veduti soltanto dall’alma dei vati,
     Sentiti da’ cori cui poca è la terra,

D’audaci richieste premendo l’Ignoto,
     Urtandosi a’ valli dell’ombra aborrita,
     A te simiglianti sollevan pe 'l vuoto
     Un inno, tra’ solchi di morte, alla Vita.

Nell’alto, nel fondo, dintorno, per tutto
     Discorre, s’avvolge l’armonico fiume;
     E Amore sovr’esso, benefico nume,
     Varcando in trionfo ne accende ogni flutto.

[p. 193 modifica]


Distendi, bel nume, le magiche anella
     Per l’etere eterno, fra l’isole estreme:
     Ogni ente che vive, che spera, che geme,
     Le schiatte, le specie, le cose affratella!

O cuore del mondo, con mistico suono
     Il caldo tuo sangue nel Tutto si versa;
     Le leggi degli astri tuoi palpiti sono;
     Tuo spiro immortale la vita universa.

Ascendi, bel nume, l’altissima sede
     Cui d’idoli ha sgombra la spada del Vero
     Degli esseri tutti tu l’unica fede,
     Tu l’unica luce dell’arduo mistero!