Pagina:Le poesie religiose.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
192 POESIE RELIGIOSE


O nato alla brama d’impervj misteri,
     Il fascino accogli dell’ora, e ti adergi:
     Su l’ala, che sfida la fiamma dei veri,
     Nel baratro vivo dei cieli t’immergi!

A te, se infierito non t’abbiano il senso
     Circei beveraggi fra lutei diletti,
     Non biechi divieti, non termini abjetti,
     Non mostri o giganti precludon l’Immenso.

Non odi? Dal grembo dell’isole erranti
     C’han pari alla terra le fasi e i destini,
     Un popolo immenso di spiriti affini
     Te chiama con voce sol nota agli amanti.

Mille esseri novi non anco spiati
     Dall’avida lente che i cieli disserra,
     Veduti soltanto dall’alma dei vati,
     Sentiti da’ cori cui poca è la terra,

D’audaci richieste premendo l’Ignoto,
     Urtandosi a’ valli dell’ombra aborrita,
     A te simiglianti sollevan pe 'l vuoto
     Un inno, tra’ solchi di morte, alla Vita.

Nell’alto, nel fondo, dintorno, per tutto
     Discorre, s’avvolge l’armonico fiume;
     E Amore sovr’esso, benefico nume,
     Varcando in trionfo ne accende ogni flutto.