Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1550)/Michele Agnolo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Alfonso Lombardi

../Girolamo Santacroce IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Biografie

Alfonso Lombardi Girolamo Santacroce

MICHELE AGNOLO

Sanese

Ancora che molti perduti in aiutare altrui consumino il tempo e da loro poche opere si piglino o conducano a fine, non per questo quando si conosce l’animo pieno di virtú si toglie nulla alla bontà loro, né si scema de ’l lor valore, sí che e’ non siano eccellenti e chiari in quelle arti che elli hanno fare. Perché il cielo che ha ordinato che e’ venghin tali, ha ordinato ancora il tempo et il luogo dove e quando debbino mostrarsi. Per questa cagione Michele Agnolo Sanese assai tempo che lavorò, lo consumò in Schiavonia, con altri maestri nella scultura, et alla fine venuto a Roma per alcun tempo vi fece il medesimo. Avvenne che Baldassarre Perucci pittor sanese era domestico del Cardinale Hincfort, creato da Papa Adriano, il quale nella morte di quel pontefice, volendogli mostrare alcuna gratitudine dell’amore che sempre gli portò della dignità da lui avuta, gli fece fare in Santa Maria de Anima, chiesa de’ Tedeschi in Roma, una sepoltura di marmo. Per il che a Baldassarre, come piú valente, fu data la cura del disegno per l’architettura di detta opera che di marmo dovea farsi. Il quale, come amico di Michele Agnolo, gli mise animo che pigliasse tal cosa. Laonde Michele Agnolo inanimito prese il lavoro, e continuando tra le fatiche sue et i disegni di Baldassarre e lo aiuto di molti, felicemente lo condusse. Lavorò molte cose, che in tale opera sono, il Tribolo fiorentino allora giovane; le quali fra tutte furono stimate le migliori. E perché Michele Agnolo con sottilissima diligenza lavorò minutamente tale opera, è tenuta perciò de le figure, che piccole sono, lavoro molto lodato. Avvenga che vi sono fra l’altre cose bellissime pietre mischie, con grandissima pulitezza lustrate, e le commettiture di tale opera con sommo amore et accuratezza murate. Laonde fu primieramente dal cardinale alle fatiche sue donato giusto et onorato premio, et obligo infinito gli portò mentre visse; atteso che questa sepoltura non ha dato minor fama alla gratitudine del cardinale, che alle fatiche di Michele Agnolo si facesse nome in vita e dopo la morte. Fu posto in opera tal cosa poco dopo la morte di Adriano. Né dopo molto tempo passò Michele Agnolo di questa all’altra vita d’età d’anni cinquanta in circa.