Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1550)/Girolamo Santacroce

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Michele Agnolo

../Dosso e Batista IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Biografie

Michele Agnolo Dosso e Batista

GIROLAMO SANTACROCE

Napolitano

Infelicità grandissima è pur quella degli ingegni divini, che mentre piú valorosamente operando s’affaticano, importuna morte tronca in erba il filo della vita loro, senza che il mondo possa finire di vedere i frutti maturi della divinità che il cielo ha donato loro nell’opere che hanno fatto, le quali, come che poche siano, fanno del petto de gli uomini uscire infiniti sospiri, quando tanta perfezzione in esse veggiamo, pensando pure che se avessero fatto il giudicio fermo, e la scienza piú con pratica e con studio essercitata, e facendo questo in età giovenile, molto piú fatto avrebbono ancora, se fossero vissuti; come nel giovane Girolamo Santa Croce veggiamo per l’opere sue di scultura in Napoli, le quali furono con quella amorevolezza condotte e finite, che si può desiderare di vedere in un giovane che voglia di gran lunga avanzar gli altri, che vecchi inanzi a lui di grido e di fama abbiano tenuto il principato in una città molti anni. Come ne fa vero testimonio di San Giovanni Carbonaro di Napoli, la cappella del Marchese di Vico, la quale è un tempio tondo, partito in colonne e nicchie, e dentrovi sepolture con intagli, molto con diligenza lavorati. Èvvi di mano d’uno spagnolo la tavola di marmo, di mezzo rilievo, quando i Magi offeriscono a Cristo. E Girolamo vi fece di tondo rilievo in una nicchia un San Giovanni, nel quale egli mostrò per la concorrenza non esser minore e di animo piú securo, et in tale opera tanto con amore operò, che salito in alto crebbe molto di grido. Di maniera che in Napoli essendo tenuto per iscultore maraviglioso e di tutti il migliore Giovanni da Nola, che già vecchio infinitissime opere aveva lavorate per Napoli, atteso che quella città molto costuma fare di marmi lavorati le cappelle e gli ornamenti di esse, prese Girolamo per concorrenza di esso Giovanni a fare una cappella in Monte Oliveto di Napoli, dentro la porta della chiesa, a man manca entrando in chiesa, et un’altra ne fece da l’altra banda Giovanni da Nola, de ’l medesimo componimento che era quella. Quivi fece Girolamo una Nostra Donna quanto il vivo, tutta tonda, che è tenuta bellissima figura; e quella con infinita diligenza ne’ panni, mani e straforamenti di spiccare il marmo, condusse a perfezzione tanto che veramente meritò pregio di aver passato tutti coloro che di Napoli adoperaron ferri per lavorar di marmi. Fecevi ancora un San Giovanni et un San Pietro, figure molto bene intese, e con mirabil maniera lavorate e pulitissimamente finite, e similmente alcuni fanciulli che sopra vi sono. La quale opera fu cagione di levarlo al cielo con la fama, meritamente donatagli da gli artefici e da tutti i signori neapolitani. Fece oltra ciò nella chiesa di Cappella due statue grandi di tutto rilievo bellissime; poi cominciò una statua di Carlo quinto Imperatore, nel suo ritorno da Tunisi; e quella abbozzata e subbiata in alcuni luoghi rimase gradinata. Ma la iniqua fortuna come invidiosa della gloria di Girolamo, per mano della morte fece le sue vendette contra tanta virtú, senza avere risguardo alcuno ch’egli vissuto non fosse al mondo piú che XXXV anni. Per che a ognuno che lo conobbe, dolse la morte di lui, aspettandosi che sí come egli aveva vinto i suoi compatrioti, cosí ancora avesse a superare ogni altro artefice del mondo. E tanto piú fu da dolere la morte di Girolamo, quanto egli era piú di modestia, d’umanità, di gentilezza e d’ingegno, con istraordinario influsso dal cielo e dalla natura dotato. I quali ornamenti poterono tanto in lui, che coloro che di lui ragionano, con tale affetto lo porgono, che sempre di lingua in lingua sarà con le poche sue opere che si veggono e con tali affetti ricordato, che e’ potrà morto tenersi beatissimo come vivo fu stimato singulare. Le ultime sue sculture furono fatte l’anno MDXXXVII insieme con la morte di lui, che fu in Napoli con onoratissime essequie sepolto. E col tempo fu per lui fatto questo epitaffio:
L’EMPIA MORTE SCHERNITA
DA ’L SANTA CROCE IN LE SVE STATVE ETERNE
PER NON FARLE PIV` ETERNE
TOLSE IN VN PVNTO A LORO E LVI LA VITA.