Lettera a Ernst Haeckel (14 dicembre 1904)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1904 L lettere letteratura Lettera a Ernst Haeckel Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

14 dicembre 1904


Permettete, illustre signore, che in riconoscenza del dono gradito del vostro opuscolo, io vi trascriva un sonetto, che scrissi già pensando a voi e al vostro poetico discorso su l'«Etere», e Del quale ho voluto esprimere quel sentimento di esaltazione sublime che nasce dal considerare l'Etere quale mezzo universale di fraterna comunicazione fra tutti gli esseri viventi, e che ci fa intuire nell'armonia di tutti i fenomeni della vita il fine reale della vita stessa.

O dell'Etere padre, unico immenso
Poter che tutto crei, tutto governi,
E, in elettrici flutti il raro e il denso
Vorticoso mutando, il tutto eterni;
Se inanellata in vincoli fraterni
Ai soli, ai mondi esser mia vita io penso,
Della terra e del ciel comprendo il senso,
La forza, i moti, i volgimenti alterni.
Ma se da te, dagli altri esseri scisso
Il mio stato io mi fingo, e la distesa
Del ciel contemplo e il cieco uman soggiorno,
Nell'infinito baratro sospesa
L'anima si spaura, e non che intorno,
Spalancar dentro a sè vede l'abisso.

Quanto a ciò che io debbo agl'insegnamenti vostri e all'esempio del vostro carattere adamantino mirabilmente confermato nell'ultimo libro sui Problemi dell'universo, io non saprei significarvi meglio la mia ammirazione e la mia gratitudine, che richiamando alla vostra memoria i solenni versi che Lucrezio consacra a Epicuro:

Tu pater es rerum inventor: tu patria nobis
Suppeditas praecepta: tuisque ex inclyte chartis,
Floriferis ut apes in saltibus omnia libant:
Omnia nos itidem depascimur aurea dicta:
Aurea, perpetua semper dignissima vita.