Lettere (Gilio de Amoruso)/Lettera 27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 27

../Lettera 26 IncludiIntestazione 17 gennaio 2009 75% Lettere

Lettera 26


Al nome de Deo am(en); 1411, dì 3 de agusto.

A quisti dì passati recevecti p(er) la nave de Ioha(n)ni Bonni da Barçelona una collo de verderame in quatro allude (e) posto a v(ost)ro conto. Siriame piacuto che l’altro ve resta avessate misso ne la nave de Almurio Banio è stata ellà, ché averia sperato ecquà averlo p(re)sto; mandatelo p(er) nave venetiani. Quilli de Barçelona à scricto più fiata del cunto de le carti (e) de tucto io sò contento; de ogni v(ost)ro cunto (e) rasione, aconciatela vugi p(er) vugi (e) p(er) me. (E) più me scrive che più a Barçelona no(n) scriva, ché siete p(er) levarve d’ellì, che in bona fé me recresce considerato è loco più p(re)sto p(er) lectere (e) p(er) resposte (e) anche più securo (e) parme sia loco meglior a mecterce de le mercata(n)tie ché no(n) ce pratica mercata(n)ti d’ecquà; no(n) de mino vugi siete savi: ben sapete que fare. A quisti dì passati me misi in animo de voler mecter una nave in Fiandra con grecho de Napuli, (e) così ò facto mandata a Napuli (e) [p(re)] spero co· la gratia de mis(er) Dominideo p(re)sto s(er)rà carcata (e) porria e(sser)e farria scalo a Maiolica; viro, so che no(n) sò certo che scalo ce faccia, che me pare no(n) sia de bisogno, ma se io voglio ce dé andare, ma me pare no(n) besogna, (e) p(er) questo no(n) ve n’agio avisato; non de mino p(er) ogni via che se fa li piaccia a mis(er) Dominideo condurla a salvam(en)to; (e) se ellà pone (e) quillo che ce mando, che à nome Tubia, se alcuna cosa besognasse, ve piaccia ve sia recomandato. Altro no(n) dico; sò semp(re) v(ost)ro; che (Crist)o ve guarde.

Gilio de Amoruso
saluta in Venetia
Nicolò de Ioha(n)ni (e) conpagni in Maiolica.