Lettere (Gilio de Amoruso)/Lettera 5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 5

../Lettera 4 B ../Lettera 6 IncludiIntestazione 17 gennaio 2009 75% Lettere

Lettera 4 B Lettera 6


Al nome de Deo am(en); 1409, dì 13 de iulio.

A quisti dì assay ve agio scricto p(er) avisarve de mey facti: como me pare de senti(r)e, lu facto de Cortona è viro, che ’· re Lancilao l’à presa; (e) nel d(i)c(t)o loco de Cortona era uno meo fratello carnale, de età de xx anni, che era andato, quando io vinni ecquà, a Cortona a uno soy parente che era ellì a Cortona podestà; audo, oltra de questo, quisto re Lancilao mustra che p(ro)spere sì ch’io dubito de l’Amandula, che è in loco assay circundato da le t(er)re de· re (e) ellì a l’Amandula agio mey figlioli (e) so(n)no piccholi, sicché, so· brevità dicendo, fra l’uno (e) l’altro ell’animo me strenge de retorna(r)e in ne li pagisi d’ellà a dar modo se [..]p(ro)spera de far veni(r)e a Venetia tucta mia fameglia (e) p(er) questo ò de necescità de da[re fin]e a queste mey carti (e) p(er) darli fine ne rechedo più vaccio (e) ’nanti vugi che niu[no] altro p(er) più rasiuni: prima che sò tenuto de debito de far utele a vugi più che a [n]ullo altro; secundariam(en)ti p(er) honor de la mercatantia, ché la mercatantia è bona ch[e] ciascheuno deveramo sforçare mantenerne li p(re)cçi lo più se podesse; onde ve prego con v(ost)ro utile ve piaccia de pigliare de queste partite una, quando a vugi destro, a me s(er)rà singular piac(er)e, como ve agio dicto, con v(ost)ro utele; prima: a me s(er)ria piac(er)e le conparassate p(er) quillo precço piacesse a vugi, questa una partita /questa una partita/; ove questo no(n) volessate fa(r)e, de far questo, che le carti se stemasse quello che a vugi piacesse (e) quello che se ne refacesse fosse comuno fra vugi (e) <nugi> me (e) io me sforçara de remecter li den. p(er) la parte mia subito; (e) ove questo no(n) volessate fa(r)e, ce p(re)stassate den. (e) quello costasse [ ........ ](e) le carti se vendesse ponessate al cunto. Oramay la mia inte[n]tione avete intesa, con que partito che ve p(ro)mecto de mecterve in mani maior quantità de den., questa sinça alcuno costito de den. né de tempo. Se alcuna de queste parti ve pare (e) piace de fa(r)e, scrivatelo ad Angelo subito (e) a me s(er)rà singular piac(er)e, (e) se no, anche ve piaccia de scriv(er)e. Como vugi vedete, io no(n) ve re<..>chedo de v(ost)ro da(n)no, anche de utele, sinça correre rescho né pensero, ché vugi conp(ar)arete la mercata(n)tia a Fiorença, (e) nell’altri lochi correte li reschi, mectete li den. de gra(n)de tempo (e) no(n) siete certi del guadangno; (e) de questo ve siete certi sinça alcuno rescho; non de mino vugi siete savio: quello che prenderete, io ne remarrò p(er) contento. lo me crederò de mandar[ ... ] alcuna de queste balle de carta (e) vogliove p(re)ga(r)e che se trovassate a baracta(r)e a [lan]e me ne scrivate (e) lo più p(re)sto che possete. Altro no(n) dico;

sò semp(re) v(ost)ro; (Crist)o v[e guar]de
Gilio de Amoruso
saluta in Vale[n]tia.

Pregove mandate queste lectere a Venetia a Pauluccio.

Per quello ch’io comprendo, mectere le carti illì a Barçalona ce intra ben un ducato p(er) balla (de spesa), sicché volendole manda(r)e ellà s(er)ria una grande spesa; se vendeta ne facisci alcuna dateli ecquà; no(n) de mino io ve[......]ndarò vj balle acciò che le vedate over veram(en)ti se vendeta [....] facessa[te.......]ese ce intrasse pagasse el conparato(r)e over darli ecquà [...]

Francischo de Marcho (e) conpagni in Barçelona.