Lettere de li sordati in Africa prima de la battaja d'Aduva

Da Wikisource.
romanesco

Adolfo Giaquinto 1880 L poesie letteratura Lettere de li sordati in Africa
Prima de la battaja d'Aduva Intestazione 3 agosto 2009 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

I.

 
Caro fratello
                               Sto in Adi-Caietta
Guasi accanto ar quartiere generale,
De salute starebbe meno male...
4Però me batte assai la baionetta! 1
 
Da tre mesi nun faccio più toletta,
(Che setole che ciò, paro un cignale!)
Su la pelle, più nera der caviale,
8C'è sempre in giro quarche bestioletta!

Me dici si c'è 'r vino, e indo' lo bevi?
C'è stato solo un po' d'acquaccia de torenti
11Antro che quella de Funtan de Trevi!

Figurte che pe' beve chiudo l'occhi,
Eppuro manco giova, si tu senti
14Quanno va giù s'impunteno li gnocchi!


II.

 
A mano a mano qui, tra bianchi e neri,
Potemo di', ch'è tutta 'na casata,
Semo tutti color cioccolata:
4Ascari, scacchettoni e cannogneri...

L'unico che stà bene è Barattieri,
Eh, lui, cor vienì quà l'ha indovinata;
Anzi, m'ha riccontato un cammerata,
8Che quanno lui ce stette l'antro ieri

Già stavo imporazzato de cognacche,
E doppo ch'ebbe fatto er diggiunè
11Se messe a fa' er galletto tra du'... vacche,

E fece 'na moraccia de Monkulle:
-Pijete tutto: l'Africa, er Tigrè...
14A me m'abbasta un core co' un tukulle 2.

Aprile 1896

Note

  1. Sinonimo di fame.
  2. Da noi si dice: Un core e 'na capanna.