Li piatti der Caster Gandorfo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
romanesco

Filippo Chiappini 1879 L sonetti letteratura Li piatti der Caster Gandorfo . Intestazione 20 settembre 2011 75% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nun zo' ccaluggne, don Andrea, so' ffatti:
'Sto sor Leone, 'sto bbaron cornuto,
S'è ppreso, chiotto chiotto, e ss'è vvennuto
4'Na callalessa de cinquanta piatti 2.

Capite voi? Ma cche sse l'era fatti
Co' li quatrini sui, corpo de Pruto?
Lui ce l'ha ttròvi quanno ch'è vvienuto,
8E llui l'aveva da lassalli intatti.

Si vva anvanti accusì 'st'osso sporpato,
Dà de piccio 3 a li quadri, dà de fonno
11A ssan Pietro co' ttutto er colonnato.

Ma io governo, direbbe chiaro e ttonno:
Tu llassa stà la robba de lo stato,
14E vvennete le cioce 4 de tu' nonno.

18 dicembre 1879.

Note

  1. Nel palazzo papale in Castel Gandolfo, ove solevano recarsi a villeggiare nell'estate i pontefici, fra le tante ricchezze era conservata una splendida collezione di cinquanta grandi piatti di maiolica antica. Un bel giorno Leone XIII diede il permesso di vendere quei reperti come cianfrusaglia di inutile servigio, affinché il ricavato andasse ad impinguare le casse... dell'obolo di San Pietro. L'autore, indignato di tale vendita, scrisse il presente sonetto.
  2. Callaléssa = bagattella.
  3. Dà de piccio = appropriarsi con la forza.
  4. Cioce = specie di calzatura di un sol pezzo di cuoio ed è tuttora in costume tra i campagnoli della così detta Ciociaria, di cui era originario Leone XIII.