Libretto personale Regio Esercito Italiano/Doveri generali

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Doveri generali

../Il giuramento ../Spirito di corpo IncludiIntestazione 14 giugno 2008 75% generale

Il giuramento Spirito di corpo

Il soldato, penetrato della nobile parte che rappresenta fra i cittadini pagando alla Patria il suo tributo di militare, deve adattarsi subito e volontorosamente alle esigenze della sua nuova condizione ed attendere con animo lieto e con diligenza al servizio.

Armato per la difesa del Re e della Patria, deve sentirsi ispirato a sentimenti elevati pari a tale suo nobile compito.

Ogni suo atto deve perciò essere informato alle leggi dell’onore ed alla pratica delle virtù militari, che consistono nel profondo sentimento del dovere e nel respingere tutto ciò che è incompatibile colla dignità dell’uomo.

Nel rispetto alle leggi dello Stato e nella osservanza dei doveri civili egli deve essere d’esempio agli altri cittadini.

In qualsiasi cicostanza deve mostrarsi educato, benevolo e cortese verso i concittadini ed essere sempre pronto a soccorrere chiunque versi in pericolo. Armato uicamente per la difesa della Patria e del Trono, il militare non deve usare delle sue armi ad altro fine, ed egli commetterebbe un viltà quando abusasse delle armi in soprusi e prepotenze contro persone inermi.

Grave colpa commetterebbe prendendo parte qualsiasi ad assembramenti o manifetazioni di partiti politici, come pure tumulti, disordini e violenze d’ogni specie.

Ubbidienza e zelo nel servizio, temperanza, delicatezza, punto d’onore, generosità, lealtà, franchezza e benevolenza ai compagni d’armi, fiducia illimitata nei capi, pazienza, abnegazione, devozione e amore al Re e alla Patria, e coraggio a tutta prova sono altrettanti virtù che devono fregiare chiunque ha l’onore di vestire la divisa militare e di appartenere all’esercito.

Il soldato poi non deve mai stare in ozio, sorgente di vizi e di molti mali.

In ogni tempo e luogo potrà occuparsi utilmente colla lettura d’un buon libro, e trovare in essa ricreazione, consiglio ed incoraggiamento.

Il militare deve sovente scrivere ai propri genitori. Questo, oltrechè essere stretto dovere, è ancora uno dei migliori mezzi che consoli e sollevi l’animo.

Nello scrivere il soldato deve evitare ogni notizia esagerata e tanto più di dire cose non vere intorno al proprio stato per non allarmare i parenti e screditare le istituzioni militari.