Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo L sonetti duecento Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo Intestazione 18 luglio 2013 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo
che fate quando v'encontro, m'ancide:
Amor m'assale e già non ha reguardo
s'elli face peccato over merzede,4

ché per mezzo lo cor me lanciò un dardo
ched oltre 'n parte lo taglia e divide;
parlar non posso, ché 'n pene io ardo
sì come quelli che sua morte vede.8

Per li occhi passa come fa lo trono,
che fer' per la finestra de la torre
e ciò che dentro trova spezza e fende;11

remagno como statüa d'ottono,
ove vita né spirto non ricorre,
se non che la figura d'omo rende.14

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo