Madonna mia, quel dì ch'Amor consente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizelli

XIII secolo sonetti duecento Madonna mia, quel dì ch'Amor consente Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Madonna mia, quel di ch’Amor consente
ch’i’ cangi core, volere o maniera,
o ch’altra donna mi sia più piacente,
tornerà l’acqua in su d’ogni riviera,

5il cieco vederà, ’l muto parlente
ed ogni cosa grave fia leggera:
sì forte punto d’amore e possente
fu ’l giorno ch’io vi vidi a la ’mprimiera.

E questo posso dire in veritate:
10ch’Amore e stella fermaron volere
ch’io fosse vostro, ed hanlo giudicato;

e se da stella è dato, non crediate
ch’altra cosa mi possa mai piacere,
se Dio non rompe in ciel ciò c’ha firmato.