Non so se tu, mio cuor, comprendi ancora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacinto Vincioli

N Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Non so se tu, mio cuor, comprendi ancora Intestazione 1 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 408 modifica]

ABB. GIACINTO VINCIOLI.


Non so se tu, mio cuor, comprendi ancora,
     Che Amor non è ch’una gran furia in Terra,
     Che lascia da per tutto e strazi e guerra,
     E di pianti e sospir si pasce ogn’ora,
5Per ferir dolcemente il dardo indora,
     Ma nella piaga il rio velen poi serra:
     Che ogni bella speranza alfin sotterra,
     E le viscere altrui tutte divora.
Io ben l’intendo, il cuor risponde, e bramo
     10Fuggir l’empio Signore, onde sovente
     Ragion, che mi soccorra, invoco e chiamo
Ma a qual darmi soccorso ella è possente,
     Se il desir corre d’un bel viso all’amo,
     Teme il mal, lo conosce, e pur consente!