Notizie sulla Guerra della Indipendenza d'Italia (Monitore Toscano)/Ordine del giorno s.d. (d'Angely)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Auguste Regnaud de Saint-Jean d'Angély

Ordine del giorno s.d. ../Ordine del giorno 25 giugno 1859 (Vittorio Emanuele II) ../Ordine del giorno 14 giugno 1859 (Garibaldi) IncludiIntestazione 20 maggio 2011 100% Storia

Ordine del giorno 25 giugno 1859 (Vittorio Emanuele II) Ordine del giorno 14 giugno 1859 (Garibaldi)

[p. 139 modifica]

N. XXV.
Monit. N. 164

Ordine del giorno. – Soldati, voi aveste una parte gloriosa nella battaglia di Solferino.

La 4ª brigata della divisione Camou prese parte alla lotta dalle nove del mattino. Il battaglione dei cacciatori a piedi, il 4° e 2° reggimento dei volteggiatori, sotto gli ordini del generale Macagne, s’impossessarono di viva forza di formidabili posizioni vigorosamente difese. Numerosi prigionieri, 13 cannoni e una bandiera sono i trofei del loro splendido combattimento.

L’artiglieria della Guardia, sostenuta dalla divisione dei granatieri, ha reso i più segnalati servigi: piena d’ardore di slancio, essa collocò le sue batterie su vette quasi inaccessibili, fece tacere il fuoco del nemico, distrusse i ripari, e rese più precipitosa la ritirata.

A Magenta, il 4 giugno la divisione Mellinet s’impossessò, sotto un fuoco micidiale, di Ponte Nuovo, e difese con grande energia una posizione attaccata da forze assai Superiori.

I granatieri e gli zuavi hanno ricaricato alla baionetta le colonne nemiche e le hanno forzate a ritirarsi dopo perdite enormi.

I volteggiatori e i cacciatori della Guardia hanno fatto conoscere che erano degni fratelli dei granatieri e degli zuavi di Magenta.

Il maresciallo comandante supremo non [p. 140 modifica]potea avere più degna ricompensa, dopo d’essere stato elevato alla dignità di maresciallo di Francia, che di essere conservato alla testa di tali truppe.

Soldati della Guardia! L’armata vi apprezza, essa vide quello che sapete fare sul campo di battaglia, ed è fiera della Guardia Imperiale, come lo era la grande armata della vecchia Guardia.

Viva l’Imperatore!

Il maresciallo