Notte oscura dell'anima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
spagnolo

Giovanni della Croce XVI secolo N 1914 Anonimo poemi cristianesimo Notte oscura dell'anima Intestazione 18 settembre 2008 75% poemi

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

In una notte oscura
Da furie d'amor arsa, ond'io languìa
O felice ventura!
Furtiva io me ne unscìa,
Però che mia magion ch[e^]ta dormìa.

2Al buio e ben sicura,
Per scala ignota, in altri panni avvolta,
O felice ventura!
E ad ogni sguardo tolta,
Nel sonno essendo mia magion sepolta.
 
3Nell'alma notte, in cui
Non altri rimirarmi, e non potea
Io rimirare altrui,
Sol per mia guida avea
Quella face gentil che 'l cor m'ardea.

4Questa sol mi guidava,
Che più del sole a mezzo 'l dì splendea,
Là, dove m'aspettava,
Quegli ch'io conoscea,
In parte dove alcun non si vedea.

5Notte, che mi guidasti,
Amabil più che il mattutino albore,
Notte, che trasformasti,
Con dolce alterno ardore,
Pur nell'Amato dell'Amata il core!

6Sul mio fiorito petto,
Che per Lui solo io custodito avea,
S'addormentò il Diletto,
Ed io vezzi a lui f[e^]a,
E sovra lieve un cedro i' gli scotea.

7Quando poi l'aura errante
Ei sentì, che 'l bel crin gli sc[o^]te e fende,
Con la sua mano amante,
M'impiaga, indi la stende,
Al collo, e tutti i sensi miei sospende.

8Sospesa in alto oblìo,
Sovra l'Amato allora il volto posai:
Sparir mie gioie, ed io
Sui fior mi abbandonai
Ove obl[i:]ato il bel pensier lasciai!