Novelle lombarde (Cantù)/La Liberazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Liberazione

../La Battaglia di Vederio ../Povera Menica! IncludiIntestazione 24 novembre 2013 100% Racconti

La Battaglia di Vederio Povera Menica!
[p. 166 modifica]

NOTA.


La gioja della liberazione dal carcere fu dall’autore espressa in questo


DITIRAMBO


Quante volte lo sognai
     Questo giorno avventurato,
     Poi svegliato disperai
     4Che dovesse più brillar!
Vi saluto o conscie stanze
     Di domestici contenti,
     D’incolpabili speranze,
     8Di tranquillo meditar.
Questa notte, nel mio letto,
     Rotti i sogni non mi fiéno
     Dal fracasso, dall’aspetto
     12D’esplorante carcerier:
Nè sull’alba in suono atroce
     Chiavi e sbarre ripercosse,
     Ma de’ miei la cara voce
     16Desterammi a bei pensier.

[p. 167 modifica]

O mie carte, o libri amati,
     Dolce causa de’ miei guai,
     Quanto mai non v’ho bramati
     20Fra l’inerzia che passò!
Al colloquio non temuto
     Riederò d’un labbro amico;
     Ciò che dico fia creduto:
     24Ciò che ascolto crederò.

Diletti a questo cor,
     Al vostro sen stringetemi:
     27Ecco son salvo ancor.
Ditemi la parola
     Che tempera le lagrime,
     30Che il lungo duol consola.
E nostra madre ov’è?
     Misera, quanto piangere
     33Dal dì che mi perdè!
Ristoro ai gravi affanni,
     Sua compiacenza e gaudio,
     36Speme de’ tuoi tardi anni,
Nuovo a’ suoi figli padre,
     Perdermi, e così perdermi...
     39Deh quanto duolo, o madre!

Ti sovvien quante volte, alle mie cure
     Benedicendo, dolcemente mesta,
     42Il ciel (dicevi) sosterrà te pure?
Ed io che rispondevo? Ah non è questa
     La terra dove sia compenso ai buoni;
     45Terra al tristo benigna, al pio funesta.
Ma s’abbia il mondo i suoi venali doni;
     E a chi la viltà sua svelar non teme
     48Tòrsi al brago volgar mai non perdoni.
A meta più sublime ergiam la speme:
     Ad un premio maggior d’ogni desio;
     Lo sposo tuo lassù ci attende, e insieme
52Là canteremo unitamente a Dio.

     Quei detti oh sovente      ti corsero a mente
Allor che il tradito      tuo figlio innocente
Udisti rapito      coi ceppi sui piè.
Piangesti, pregasti: ma il prego, ma i pianti
Che il forte respinse, del Santo dei santi
58Ascesero al soglio, trovaron mercè.

[p. 168 modifica]

     Son salvo! deh cessa le lunghe querele;
Son salvo; abbia posa la tema crudele:
Il figlio redento deh corri abbracciar:
Coi pochi che fidi provò la sventura,
Con questa risorta famiglia sicura
64D’un gaudio implorato deh vieni esultar!

Voi piangete, o fratelli, o sorelle,
     Come il dì che fui svelto a’ miei lari?
     Questo è pianto di gioja; ma quelle,
     68Strida furon di duol, di terror,
Io tacente, col volto dimesso,
     A me stesso, a’ miei cari pensava.
     Là da canto a chi il pianto inaccesso
     72Di tumulto imputava il dolor.
E partirmi, e lasciarvi, sicuro
     Di lasciarvi ai bisogni, all’ambascia,
     Nè veder su alcun giorno futuro
     76Del ritorno la speme brillar!
Se soffersi! L’udrete al loquace
     Focolar nelle placide sere.
     Abbian essi il perdon, noi la pace
     80Qui raccolti al domestico altar.

     All’altare di Maria
          Qua concordi ad inneggiar.
          Adjutrice e madre mia,
          84S’io la debbo ringraziar!
          Quando l’ansia e lo sgomento
          Tenebravami il pensier:
          Quando sogni di spavento
          88Fean di spine l’origlier:
     Dell’iniquo allor che il braccio
          M’addoppiavu un vil rigor,
          Minacciando un ceppo, un laccio
          92Con sogghigno insultator,
     Sollevai con fe la palma
          Alla madre di Gesù.
          E sentii conforto all’alma
          96Di pacifica virtù.
     — Tanto duol sul capo mio
          Cumular, Maria perchè!
          Avea colpa il figlio mio?
          100Par soffrì tanto per te.

[p. 169 modifica]

     — E mia madre? Ahi trista! solo
          Vive al pianto i pigri dì.
          Ancor io fui madre; e duolo
          104Pari al mio chi mai soffrì?
     — E ai fratelli, anzi miei figli,
          Chi più il pan dividerà?
          Quel Signor che veste i gigli
          108L’orfanel non lascerà.
     — Spunterà mai giorno lieto?
          Riederà la gioja al cor?
          Non si sale all’Oliveto
          112Che pel calle del dolor.

                    A te s’alzarono
               Concordi i voti;
               Concordi or sorgono
               116Gl’inni devoti,
                    O madre, figlia,
               Sposa all’Eterno,
               Che a pro del passero
               120Mitiga il verno.
                    Me la tua grazia
               Salvò; ma quanti
               Ancor nel carcere
               124Gemono in pianti!
                    Quante t’innalzano
               Voci dogliose
               E suore italiche,
               128E madri e spose!
                    Ti piaccia accogliere
               Fausta que’ lai,
               E poni un termine
               132Ai fieri guai.
                    Apri ai lor miseri
               L’orrenda stanza:
               Rendi alla patria
               136Tanta speranza:
                    Di quei che soffrono
               Tempra il martire,
               O madre, e mitiga
               140Chi fa soffrire.

1834