Novellino/LXXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXVIII

../LXXXVII ../LXXXIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Novelle

LXXXVII LXXXIX
Qui conta di messere Castellano da Cafferi di Mantova

Messere Castellano da Cafferi di Mantova stando Podesta di Firenze, sì nacque una quistione tra messere Pepo Alamanni e messer Cante Caponsacchi, tale che ne furo a gran minacce: onde la Podesta, per cessare quella briga, si mandoe a’ confini: messer Pepo mandò in certa parte e messer Cante, perché era grande suo amico, sì ’l mandò a Mantova, e raccomandollo a’ suoi. E messere Cante li ne rendeo tal guiderdone, che si giacea con la moglie.