Novellino/XCIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCIV

../XCIII ../XCV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Novelle

XCIII XCV
Qui conta della volpe e del mulo

La volpe andando per un bosco sì trovò un mulo: e mai non n’avea più veduti. Ebbe grande paura e fuggì; e, così fuggendo, trovoe il lupo e disse come avea trovata una novissima bestia e non sapea suo nome. Il lupo disse:

«Andianvi».

Furono giunti a lui. Al lupo parve vie più nuova. La volpe il domandò di suo nome. Il mulo rispuose:

«Certo io non l’ho bene a mente; ma, se tu sai leggere, io l’ho iscritto nel piè diritto di dietro».

La volpe rispose:

«Lassa, ch’io non so leggere! Ché molto lo saprei volentieri».

Rispuose il lupo:

«Lascia fare a me, che molto lo so ben fare».

Il mulo sì li mostrò il piede dritto, sì che li chiovi pareano lettere. Disse il lupo:

«Io non le veggio bene».

Rispose il mulo:

«Fatti più presso, però che sono minute».

Il lupo si fece sotto e guardava fiso. Il mulo trasse e dielli un calcio tale, che l’uccise. Allora la volpe se n’andò e disse:

«Ogne uomo che sa lettera non è savio».