Nuova edizione aumentata e riveduta dell'unico metodo accelerato razionale per imparare a parlare, leggere e scrivere la lingua tedesca/Prefazione alla quarta edizione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prefazione alla quarta edizione

../Prefazione ../Prefazione alla quinta edizione IncludiIntestazione 20 dicembre 2010 75% Educazione e formazione

Prefazione Prefazione alla quinta edizione
[p. 11 modifica]
Prefazione alla quarta edizione

__________



Dopo un’assenza dall’Italia di più di 5 anni, in Spagna, Stati Uniti, Cuba e Messico, mi fu molto grato e lusinghiero il conoscere al mio ritorno che i miei libri godono ancora lo stesso favore di prima e che la casuale citazione del mio nome nella Gazzetta del Popolo mi fece ricevere numerose richieste da tutte le parti d’Italia per la nuova edizione dei miei libri francesi, inglesi, tedeschi e spagnuoli.

Quando pubblicai nel 1894 la prima edizione del mio metodo razionale tedesco-italiano, io non avrei supposto che la domanda del pubblico per questo libro, come pure per gli altri, sarebbe stata così grande da obbligarmi a pubblicare quasi ogni anno nuove edizioni ed in diversi paesi.

Io ho cercato continuamente di migliorare ogni edizione successiva, perchè coll’insegnamento continuo ogni giorno si guadagna nuova conoscenza degli ostacoli che lo studioso incontra nello studio delle lingue: e l’aiutarlo a superarli è stato il mio scopo costante. Solamente un maestro pratico ed esperimentato può scrivere libri veramente utili per l’insegnamento delle lingue.

Non un libro che consista in una mera agglomerazione di regole grammaticali confuse, quale può scrivere quasi ognuno che conosca una lingua, ma un libro moderno che impartisca conoscenze pratiche e non solamente teoriche; cioè una conoscenza che renda capace lo studente di capire, scrivere e parlare una lingua.

Io anche approfitto di quest’occasione per ringraziare i miei numerosi allievi in Torino e il gentile popolo piemontese in generale per le gentilezze ricevute, dacchè risiedo tra di loro.

E spero che, soprattutto in Torino, dove lo studio del tedesco è così esteso, la nuova edizione sarà accetta a tutti gli studiosi della lingua di Schiller e di Goethe.

Torino, Maggio 1901.

L'Autore.