O Pastorella, che su verde riva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Canti

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O Pastorella, che su verde riva Intestazione 12 settembre 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giacomo Canti


[p. 86 modifica]

II


O Pastorella che su verde riva
     Siedi sol di te paga, e fuggi Amore,
     Chinando gl’occhi sdegnosetta, e schiva,
     Se a te volge lo sguardo alcun pastore;
5Cangia, cangia pensiero e nel tuo core
     Amor ricevi, e il suo bel foco avviva:
     Andrai, se provi sì gentile ardore,
     Piangendo il tempo, che ne fosti priva
Ama ogni pianta; ne’ più folti, e densi
     10Boschi ogni fera, e ’n Cielo ama ogni stella,
     E sola senz’amar viver tu pensi?
Cangia, cangia pensiero, o pastorella
     Folle, non sai, com’a te mal conviensi
     L’esser priva d’amore, e l’esser bella?