O Re de' fiumi, ch'in tributo accogli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tiberio Carafa

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O Re de' fiumi, ch'in tributo accogli Intestazione 16 settembre 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Tiberio Caraffa


[p. 91 modifica]

I


O Re de’ fiumi, ch’in tributo accogli
     Mille d’Italia fiumi alti sonori,
     Questi tratti da duol tepidi umori,
     Che per gli occhi a te porto, a grado togli,
5Forse al più cupo fondo ti raccogli,
     Mentre gonfio di sangue, e di sudori,
     Sparso d’ossa insepolta, e d’altri orrori,
     Ti rendon d’aspro Marte i fieri orgogli.
Così rida, la pace alle tue sponde,
     10Ove le sacre Ninfe spaventate
     Più non osano alzar le trecce bionde!
I miei caldi sospir deh! per pietate
     Odi, ed ergendo il bianco crin dall’onde
     Dimmi: Vedrò mai le luci amate?