O vermicciuol che in vuota canna o in galla

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Serasola

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O vermicciuol che in vuota canna o in galla Intestazione 3 gennaio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Domenico Serasola


[p. 379 modifica]

I1


O vermicciuol, che in vuota canna o in galla,
    In luoghi aprichi o tra le cave e i gruppi,
    T’incrisalidi al verno e ti raggruppi e
    In buccia or molle or dura, or verdeor gialla:

[p. 380 modifica]

5Vien pur, vien pure il tempo e mai non falla,
     Che dal tuo carcer’esci, e ti sviluppi,
     E i legami abbandoni e gl’inviluppi,
     Fatto d’un pigro vermicciuol farfalla.
Quanto alla prima parte, infino ad ora
     10Pari siamo ambidue: tu chiuso stai,
     Cinto son io da crudi lacci ancora.
Quanto all’altra non già: tu volerai
     Fra non molto al tuo lume: io ’l giorno e l’ora
     Di volare al mio Dio non veggio mai.


Note

  1. Le farafalle.