Odi barbare/Delle Odi Barbare Libro I/A una bottiglia di Valtellina del 1848

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Delle Odi Barbare Libro I
A una bottiglia di Valtellina del 1848

../Saluto italico ../Miramar IncludiIntestazione 6 febbraio 2012 100% poesie

Delle Odi Barbare Libro I - Saluto italico Delle Odi Barbare Libro I - Miramar
[p. 852 modifica]


A UNA BOTTIGLIA DI VALTELLINA

del 1848


E tu pendevi tralcio da i retici
balzi odorando florido al murmure
de’ fiumi da l’alpe volgenti
ceruli in fuga spume d’argento,4

quando l’aprile d’itala gloria
da ’l Po rideva fino a lo Stelvio
e il popol latino si cinse
su l’Austria cingol di cavaliere.8

E tu nel tino bollivi torbido
prigione, quando d’italo spasimo
ottobre fremeva e Chiavenna,
oh Rezia forte!, schierò a Vercea12

[p. 853 modifica]


sessanta ancora di morte libera
petti assetati: Hainau gli aspri animi
contenne e i cavalli de l’Istro
ispidi in vista dei tre colori.16

Rezia, salute! di padri liberi
figlia ed a nuove glorie piú libera!
È bello al bel sole de l’alpi
mescere il nobil tuo vin cantando:20

cantando i canti de i giorni italici,
quando a’ tuoi passi correano i popoli,
splendea tra le nevi la nostra
bandiera sopra l’austriaca fuga.24

A i noti canti lievi ombre sorgono
quei che anelando vittoria caddero?
Sia gloria, o fratelli! Non anche,
l’opra del secol non anche è piena.28

Ma nei vegliardi vige il vostro animo,
il sangue vostro ferve ne i giovani:
o Italia, daremo in altre alpi
inclita a i venti la tua bandiera.32