Odi e inni/Inni/Alle batterie siciliane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../A Umberto Cagni

../Alle Kursistki IncludiIntestazione 24 giugno 2012 100% Da definire

Inni - A Umberto Cagni Inni - Alle Kursistki
[p. 143 modifica]

ALLE BATTERIE SICILIANE


i


Oh! fuoco di folgori! schianto
     di turbini! morte
     3di cento e di cento e di cento!
Singulti di sangue! ruggiti di pianto!
     spavento
     6d’abisso!... Tu solo qui, forte?

Nell’alto, nell’alto, nell’alto,
     sul sangue che pesti,
     9tra un morto ed un rantolo, in mezzo
le grida e le salve, la fuga e l’assalto,
     sul pezzo,
     12tu solo, tu ultimo, resti!

Col cuore che t’esce dal petto,
col cuore che sbalza e ti fugge
     15in avanti e ti freme
là in mezzo, tu stringi il moschetto
contro un uragano... che rugge
     18insieme! insieme! insieme! insieme!

[p. 144 modifica]


ii


Poc’anzi... Silenzio! si marcia
     su Enda-Chidane.
     21Nell’ombra dei monti va bruna
la schiera. L’azzurro del cielo si squarcia.
     La luna
     24risplende su l’ambe lontane.

Su su, tra gli abissi e le grotte,
     le quattro brigate!
     27D’un pallido scroscio di piedi,
d’un palpito immenso risuona la notte.
     Tu credi,
     30pastore, a fragore d’acquate.

Serpeggia su tetri burroni
la fila dei muli tra i massi
     33del fosco Belah:
scintillano a tratti i cannoni,
tentennano i cofani ai passi:
     36si va! si va! si va! si va!


iii


I monti son irti di guglie,
     piramidi, coni:
     39son chiuse da doccie le valli.

[p. 145 modifica]

Avanti! Quei punti là, neri... Pattuglie?
     sciacalli?
     42Quei gridi... Nemici? leoni?

Dal cielo che fulgido guarda
     quel muto brusìo,
     45la Croce del Sud a te brilla...
Oh! non a tua madre che forse con tarda
     pupilla
     48tra gli astri va in cerca di Dio!

Avanti sui neri burroni!
Quaggiù, tutto ignoto: ed ignote
     51le stelle lassù!
Scintillano a tratti i cannoni,
tentennan gli affusti e le ruote:
     54mai più! mai più! mai più! mai più!


iv


Su l’alba... In batteria!... Lunge,
     negli echi d’Entsàs,
     57la salva dei Vètterli tuona.
E il Primo, è Turitto, Turitto che giunge,
     che suona
     60la sveglia nel campo dei Ras.

Ma... Per sezione!... Confuso
     s’arretra, s’appressa,
     63discende Turitto dal balzo.

[p. 146 modifica]

Dall’irta zeriba, dal vigile chiuso,
     di sbalzo,
     66ritorna ruggendo l’ambessa.

Ritorna l’ambessa ferito,
ruggendo, e sul grosso ripara
     69con ululo roco...
Sui monti un sussulto infinito
nereggia di Galla e d’Amhara...
     72da destra, foco!... foco!... foco!...


v


Cannoni, cannoni del monte,
     cannoni che il piombo
     75scagliate da sopra le nubi,
da picchi dond’aquile s’alzano pronte
     con subito
     78strillo e con subito rombo;

se i lampi la luce, se i tuoni
     la voce, se il mai
     81le roccie, se il sempre i torrenti
vi diedero, e l’impeto avete, o cannoni,
     dei venti,
     84la rigidità de’ ghiacciai;

mitraglia!... Oh!...Che grida la tromba?
alt! Ascari, alt! Fascia gialla,
     87alt!... Nembo che spazza

[p. 147 modifica]

via tutto, un galoppo rimbomba,
s’approssima il grido dei Galla:
     90ammazza! ammazza! ammazza! ammazza!


vi


Oh! fuoco di folgori! schianto
     di turbini! morte
     93di cento e di cento e di cento!
Singulti di sangue! ruggiti di pianto!
     spavento
     96d’abisso!... Tu solo qui, forte?

Qui, solo, artigliere. Qui, donde
     già fosti divelta
     99tu, giovane vita. Qui. Salve!
Non odi qui, vinto, tra suono di ronde
   e di salve
     102le donne trillare l’hellelta.

Non odi qui l’urlo di guerra;
qui l’orda dei Galla non vedi
     105che viene e t’infrange.
No, reduce! questa è la terra
tua, questo è il tuo mare, ch’ai piedi
     108tuoi batte e plaude e canta e piange.

[p. 148 modifica]


vii


Nell’alto! nell’alto! nell’alto!
     rimani qui, forte,
     111tra un morto ed un rantolo, in mezzo
le grida e le salve, la fuga e l’assalto,
     sul pezzo
     114ch’hai tratto con te nella morte,

ch’è salvo, ch’è nostro!... Non quelle
     son ambe, di fronte;
     117ma è la montagna tua bruna:
le pendono sopra le note tue stelle;
     la luna
     120risplende sul grande Aspromonte.

Italia fu primo quel lido.
Dal lido che in faccia ti appare,
     123l’Italia si noma.
È sacro quel monte, ed un grido
ne suona tra l’ansia del mare...
     126a Roma! a Roma! a Roma! a Roma!