Opere minori 1 (Ariosto)/Rime varie/Sonetto XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XV

../Sonetto XIV ../Sonetto XVI IncludiIntestazione 15 dicembre 2015 100%

Rime varie - Sonetto XIV Rime varie - Sonetto XVI
[p. 299 modifica]

Sonetto XV.


     Quel caprïol che, con invidia e sdegno
Di mille amanti, a colei tanto piacque,
Che con somma beltà per aver nacque
4Di tutti i gentil côri al mondo regno;
     Turbar la fronte, e trar (pietoso segno)
Dal petto li sospir, dagli occhi l’acque
Alla mia donna, poi che morto giacque,
8E d’onesto sepolcro, è stato degno.
     Che sperar ben amando or non si deve,
Poi che animal senza ragion si vede
11Tal premio aver di servitù sì lieve?
     Nè lungi è omai (se dee venir) mercede:
Chè quando s’incomincia a sciôr la neve,
14Ch’appresso il fin sia il verno è chiara fede.