Or vedi come il ferro acuto strinse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Benedetto Menzini

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Or vedi come il ferro acuto strinse Intestazione 16 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Benedetto Menzini


[p. 278 modifica]

XIV1


Or vedi come il ferro acuto strinse
     Colei, che ’l Mondo e forte e casta appella:
     Misera! Oh quanto fu profonda e fella
     La piaga, che Lucrezia a morte spinse!
5Mi poi l’altra, che a morir s’accinse
     Di rio veleno, a sè crudele anch’ella:
     Oh come s’ecclissò l’Egizia stella,
     E come di pallorfosco si tinse
Ben potea torsi all’una il ferro ignudo,
     10Celarsi all’altra il tosco, e dell’arena
     Libica ogn’angue dispietato e crudo.
Deh perchè odia la via alma e serena?
     A un cuor pudico l’innocenza è scudo,
     E all’alma impura il fallir proprio è pena.


Note

  1. Pittura di Lucrezia, e di Cleopatra.