Oreste (Euripide - Romagnoli)/Quinto episodio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quinto episodio

../Quarto stasimo ../Quinto stasimo IncludiIntestazione 6 dicembre 2019 75% Da definire

Euripide - volume V
Oreste
(408 a. C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1930)
Quinto episodio
Quarto stasimo Quinto stasimo

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I poeti greci tradotti da Ettore Romagnoli

Indice dellopera, volumi I / VI

[p. 228 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0229.png


CORO
Tacete, via, tacete: odo il rumore
per via, d’alcuno che alla reggia appressa.
ELETTRA
O carissime amiche, Ermione giunge
nel mezzo della strage: ora si taccia.
Nei lacci della rete a cader viene;
bella preda sarà, se posso coglierla.
Ricomponete i vostri volti, traccia
di quanto avvenne non v’appaia. Ed io,
come nulla sapessi, attratto il ciglio
manterrò.
Si avanza Ermione.
Cara, dalla tomba giungi
di Clitemnestra? Dei defunti v’hai
sparsi i libami? Inghirlandata l’hai?
ermione
I favori ne ottenni, e sono qui.
Ma m’invade timor: che grido fu

quello ch’io lungi dalla reggia udii?

[p. 229 modifica]

ELETTRA
E non son tali i nostri guai, da gemerne?
ERMIONE
Tristo augurio non far. Che c’è di nuovo?
ELETTRA
Argo a morte condanna Oreste e me.
ERMIONE
Deh, mai non sia, ché siete a me parenti.
ELETTRA
Deciso fu: giogo fatai ci opprime.
ermione
Suonò per questo nella casa il grido?
ELETTRA
Supplice cadde alle ginocchia d’Elena...
ERMIONE

Chi dunque? lo nulla so, se tu non parli.

[p. 230 modifica]

ELETTRA
Oreste, per la sua, per la mia vita.
ERMIONE
Dunque, a buon dritto si levò quel grido.
ELETTRA
E quale altra cagione esser potrebbe
di gemiti piú degna? Or meco vieni,
dei cari tuoi partecipa le preci,
della tua madre avventurata cadi
alle ginocchia, ché vederci spenti
non voglia Menelao! Tu, che nutrita
fosti sul seno di mia madre, ora abbi
pietà di noi, sollevaci dai mali.
Muovi al cimento, ed io ti sarò guida:
ché la nostra salvezza è in mano a te.
ERMIONE
Ecco, sospingo entro la reggia il piede:
per quanto è in me, sarete salvi.
ELETTRA
                                                  O amici
armati entro la reggia, ecco la preda:
non l’afferrate?

Escono Oreste e Pilade, e afferrano Ermione.

[p. 231 modifica]

ermione
                    Ahimè, chi vedo?
ORESTE
                                                       Taci:
a noi tu devi procacciar salvezza,
e non a te.
ELETTRA
                            Tenetela, tenetela,
fermi, col ferro alla sua gola vólto.
Menelao veda, che, venuto al cozzo
con uomini, non già con Frigi vili,
ebbe la sorte che s’addice ai tristi.
Oreste e Pilade trascinano Ermione dentro la reggia.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0232.png