Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 125


ATTO IV

SCENA I

Mastro Antonio, Repetitore.

Mastro Antonio. Mi non ghe posso catare ancuo negun che me chiami acciò che mi ghe faza una maitina; e no ghe ho invidia a persona del mondo per saver fare una romanesca, una pavana. Alle guagnelle de san Zacaria, che voio andare a casa de sto mistro di scola che m’ha pregao che me ghe vaga a veerlo, che voi che ghe faga no so che servizio. Questa e’xe la porta. Voio battere. Tic, tac. E’ non responde ninguno. Tic, toc.

Repetitore. Quis est ille?

Mastro Antonio. Bon di, bon di, misier.

Repetitore. Bene veniat, bene veniat.

Mastro Antonio. A son mastro Antonio. Trin, trin.

Repetitore. Quid postulatis?

Mastro Antonio. Misier si, a son vegnuo a posta.

Repetitore. Che volete?

Mastro Antonio. Viegno da spasso da San Roco.

Repetitore. Tu recto tramite rispondi.

Mastro Antonio. Si, si, misier si. Che se n’è fatto de quel vostro mistro?

Repetitore. Non est in domi.

Mastro Antonio. Che desi? Non ghe sé in Roma?

Repetitore. Dico domi, domi.

Mastro Antonio. Missier si. E’ me l’ha be’ ditto che ghe vegna.

Repetitore. Oh che pulchra festa ch’è questa!