Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto 143


Curzio. Be’, io non voglio restar di notte fuori di casa senza te; e tanto piú in simili luoghi. E che so io se mi bisognassi cosa alcuna?

Rufino. E che volete che vi bisogni?

Curzio. E che ne so io? Solo Idio sa el secreto dei cuori umani.

Rufino. Fate adunque come vi pare, ch’io, a dirve il vero, ho caro di trovarmi sempre appresso di voi; ch’accadendo, vi possa mostrare l’affezione ch’io vi porto.

Curzio. Io ne sono chiaro pur troppo, Rufino; e, dallo esserti io patrone in poi, tutto el resto è commune fra te e me: e tu lo sai. Ma dimmi, or che me ricordo: porti tu i danari?

Rufino. Signor si: eccoli.

Curzio. Avertisci che non ti caschino.

Rufino. Non dubitate. Ma, da qui a un poco, potrete ben dire che vi sieno caduti.

Curzio. Anzi, farò conto de avergli alogati in buona parte. E dicoti che, se io avessi meglio el modo che non ho, che non mi pensarei mai di spendere el mio danaio bene se non quando io lo dessi a qualche donna: che certamente le sono Tonor del mondo per le quali l’uomo, argumentando, a perfetta cognizione delle bellezze del cielo suol venire. E quale è quel cuore si efferato, si inumano che, drizzando gli occhi in un bel volto, che, ad un’otta, non perda l’ardire e l’orgoglio e riverente non se gli inchini e voluntario pregione non se gli renda? Io, certo, le amo, le adoro, le reverisco, per ciò che sono degne d’essere sopra tutti li altri uomini essaltate e reverite mediante i buoni effetti che da loro ne segueno.

Rufino. Patrone, voi lodate quello che molti biasmano.

Curzio. Questi sono simie, che paiono e non sono uomini; e, per la spurcizia dei vizi ch’egli hanno, inei quai cercano di sotrarre altrui per aver piú compagni acciò piú licito gli sia el peccare, maliziosamente parlano. Ma questo non è maraviglia, che dicono male de Idio, ben lo possino ancor dire di esse. Non ti niego che non ve nne siano delle cattive; ma in tanto numero ch’è!... Ma par che voglia el destino che de quella sola