Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 il pedante

ribalda che è al mondo cento scrittori ne parlino come se loro mancassi altra materia da scrivere. Ma non se dice però de tanti uomini infami e vituperosi che si scriveno; e, se di questi che oggidí viveno se nne facessi istoria, si legerebbono altre che Pasifae e che Medee! Poi non si accorgeno questi tali maledici che, biasmando le donne, biasmano loro stessi, essendo la donna, come vogliano i savi, la metá di noi. Ma vattene innanzi; e pichia e fa’ oprire. E questi tali dichino tanto che crepino.

Rufino. Àmenne. Aspettate qui, se vi pare.

Curzio. Odi. Oh Rufino!

Rufino. Che vi piace?

Curzio. A che modo gli dirai, che non se nne accorghino li vicini?

Rufino. Giá mi ha detto Filippa ch’io dica che sono el fratello della Ceca.

Curzio. Or vanne, adunque. Odi un’altra cosa.

Rufino. Dite: che volete?

Curzio. Tu sai che avemo inteso che quel pedante poltrone, ogni notte, gli viene a cantare a l’uscio non so che canzoni. Vorrei che tu gli rompessi el capo in qualche bel modo, che non si accorgessi chi fussi stato, se pur ci viene stanotte.

Rufino. State de bona voglia, che vi prometto di servirve.

Curzio. Va’ ! Pichia, adunque.

Rufino. Io so certo che costoro ci deveno aspettare. Tic.

Ceca. Chi è lá giú?

Rufino. Sono el fratello della Ceca vostra.

Ceca. Chi sei? Antonio?

Rufino. Madonna si.

Ceca. Tu sia el ben venuto. Aspetta, ch’io ti vengo a oprire.

Rufino. Zi! Patrone, acostatevi.

Curzio. O Dio, aiutarne.

Rufino. Acostatevi piú alla porta.

Curzio. Che te hanno detto?

Rufino. Adesso vengono a oprire.

Ceca. Entrate, olá! Non fate rumore.