Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 199

SCENA V

Pilastrino porta a Orgilla da cena abbondantissimamente e commette che ordini per la sera; e, volendo ella saper la cagion di ciò, si parte. Ed ella chiama Eparo lavoratore ivi a caso per farsi aiutare: il che dimostra l’avarizia di Girifalco che non teneva famigli.

Pilastrino, Orgilla, Eparo villano.

          Pilastrino  Orgilla! o Orgilla!
          Orgilla  E che vuoi, Pilastrin?
          Pilastrino  To’ questa robba.
          Non morrem giá di fame.
          Orgilla  Oh! Oh! Puon mente.
          Ve’ quanta robba! Oimè! Mi faccio il segno.
          Che vói dir questo? È forse dodici anni
          che sono in questa casa e si ti giuro
          che non ne ho visto mai per la metá.
          Dimmi, di grazia.
          Pilastrino  Non è tempo, adesso.
          Fa’ d’aver cura a questo, che stasera
          ogni cosa sia cotto.
          Orgilla  Oh! S’io gli cuoco,
          ch’io caschi morta, se prima non dici
          la cosa come sta.
          Pilastrino  Tu vuoi ch’io ’l dica?
          In casa s’ha da fare un par di nozze.
          Bastiti questo.
          Orgilla, Schch! Dimmi il vero.
          Pilastrino  Attende qui.
          Orgilla  Di grazia, dimmi il tutto.
          Pilastrino  Noi saperai, se non m’attendi prima.
          Incomincia qui. Svi!
          Orgilla  Mezzi i pollastri
          arrosti e mezzi lessi e questa carne
          a l’ordinario e mezzi anco i pipioni