Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 vii - cecco angiolieri

CX

Ma, anche morto il vecchio, c’è chi lo tien magro egualmente

I’son si magro, che quasi traluco,
de la persona, ma piú de l’avere;
amico né parente ho, che vedere
4mi voglia, sol per ch’or non vesto il luco:
e giá del mi’ poco i’ me ne conduco,
ch’è’n viver di speranza, c’ho d’avere:
e di quel tempo avess’io de le pere,
8ch’i miei non mi terranno cosí bruco!
Esser ho ricco, e’1 modo saper panili:
mia madre, Ciampolino e ’I Zeppa tanto
11per me guadagnan, che non ho ch’a starmi.
Or mi rendessen del mi’pur alquanto!
Ché tutt’i tre, en ben assottigliarmi,
14son Padre e Figlio con Spirito santo.

CXI

La madre ed un falso amico lo derubano senza ritegno.

Mia madre m’ha ’ngannat’e Ciampolino
non s’ha tenute le man a Centura:
ch’e’mi soleva dir coni’gran ventura
4si conterie morir me a’ssessino;
e cert’e’non farebb’ad un taupino
in mie servigi’ una picciol paura,
ma di tòllar lo mie ben s’assicura:
8e di ciò non parlò santo Agostino.
Gli’e’ me ne renda sol un vii denaio:
ché mie madre ha saputo ben si fare,
11che Mino colui’ed io vóti’ho lo staio;
e ch’i’sie su’figliuolo a me non pare,
ma figliastr’; e ch’i’ batt’acqu’a mortaio,
14dice, se quel di Min credo fruttare.