Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216 lirici marinisti

D’INCERTO


LA MOSCA NEL CALAMAIO

     Bevi, augello infernal, pugliese mostro,
sanguisuga volante, alata strega;
bevi a schiattabudella e vatti annega,
sporca arpia della terra, in mar d’inchiostro.
     Tanto sangue m’hai tratto, orca vorace,
che come Erisitton vuote ho le vene;
né di tua crudeltá presi le pene,
ché quant’empia e crudel fosti fugace.
     Senza pace né tregua, atra Medusa,
di te stessa facendo arco e saetta,
cavallo e cavalier, tromba e trombetta,
bersagliasti il mio muso e la mia musa.
     Gittar la penna e rinegar Parnaso,
percoter l’aria e schiaffeggiar me stesso,
quante fiate m’hai fatto? e come spesso
mi fe’ una mosca andar la mosca al naso?