Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

d’incerto 217

Anzi, mosca non sei; ma il fiero assilo,
che Giunon mandò dietro alla baldracca
dal tonante rival cangiata in vacca
ch’andò per rabbia a pascolar nel Nilo.
     S’io scrivo, in su la man scendi boccone;
se difendo la man, l’occhio è assaltato:
così gli occhi ho trafitti e ’l naso enfiato,
ch’io simiglio ad Omero ed a Nasone.
     Trarmi il sangue e gli spirti, questo è un nulla;
ma sorbirlo e cacarlo per dispetto,
e sporcarmi la carta e ’l mio concetto,
son pur cose da Gheto e Cacafulla.
     Ma quel dio che protegge in Elicone
l’onor delle sue muse e de’ poeti,
con degna punigion t’ha posta in geti,
e un corno per tuo scorno è tua prigione.
     Nel sacro inchiostro, onde l’ingegno ameno
riga gli orti di Pindo, intirizzita,
hai lasciato lo stral, l’ali e la vita,
e il latte delle muse è il tuo veleno.
     Or voi con labra di tenaglie armate,
correte a questa preda, o formicioni;
pulci, vespe, tafani e farfalloni,
a stuzzicar poeti oggi imparate!